Pipe Amorelli handmade tobacco pipes: News

La Pipa e il Romanzo Giallo

L’atto di fumare la pipa era considerato nel passato (e per molti lo è ancora oggi) una virtù che aiutava le menti sopraffine a risolvere i casi ed assicurare i malviventi alla giustizia.

Sherlock Holmes, il famoso investigatore di Baker Street frutto dell’ingegno di Sir Arthur Conan Doyle, utilizzava infatti la pipa come consigliera nei momenti difficili, quasi fosse un modo per mettersi in contatto con la realtà al di fuori della sfera puramente terrena. Anche il Commissario Maigret di Georges Simenon è descritto come un accanito fumatore di pipa, bevitore ed amante della buona cucina. Questi personaggi dediti al fumo – inteso come momento di concentrazione e relax – hanno fatto sì che la pipa fosse associata all’investigazione e al romanzo giallo.

Tuttora, nonostante vi siano moltissime campagne contro il fumo, i film e i libri propongono come modelli accaniti fumatori che trovano sollievo e soluzione ai propri problemi nei momenti in cui sono impegnati a fumare: un esempio fra tutti è il famoso detective Sonny Crockett, il protagonista della famosa serie televisiva Miami Vice, che fuma sigarette senza filtro per rilassarsi e raggiungere la concentrazione necessaria alla risoluzione dei propri casi.

Sherlock Holmes

Sir Arthur Conan Doyle, per inventare il proprio detective,  si ispirò ad un celebre chirurgo dell’epoca: il dottor Joseph Bell. Egli era stato suo docente di medicina all’Universita’ di Edimburgo:

Leggendo alcune storie poliziesche fui colpito dal fatto che quasi sempre i risultati erano raggiunti fortuitamente. Pensai allora di cimentarmi nello scrivere una storia in cui il protagonista trattasse il crimine come il dottor Bell trattava le malattie ed in cui la scienza si sostituisse al caso.

Conan Doyle aveva appreso la profonda conoscenza del crimine, dei criminali e dei cadaveri grazie ad un altro suo insegnante universitario: Sir Henry Little-John, professore di medicina legale e consulente della Polizia.

Sherlock Holmes è comparso in 4 romanzi e 56 racconti, quasi tutti pubblicati sullo Strand Magazine.

Il commissario Maigret

L’autore,  Georges Simenon, lo descrive come un uomo distinto e dalla corporatura massiccia, bevitore, accanito fumatore di pipa ed amante della buona cucina. Conduce le sue indagini immergendosi negli ambienti in cui sono stati commessi i delitti ed  immedesimandosi nei personaggi, scavando nella loro umanità e personalità, fino ad arrivare a comprendere e quasi giustificare le loro azioni.

I casi del commissario Maigret sono stati portati al successo cinematografico e televisivo grazie ad indimenticabili attori, uno per tutti: Gino Cervi. 
Fra il 1931 e il 1972 Georges Simenon ha pubblicato 76 romanzi e 26 racconti dedicati alle inchieste di questo intuitivo commissario.
Fonte: https://storiesullapipa.wordpress.com