Pipe Amorelli handmade tobacco pipes: News

La leggenda della Penna di San Michele

Esseri Soprannaturali e Meravigliosi

Una credenza popolare molto vecchia e sempre giovane afferma che la bocca dell’inferno sia il Mongibello, ove i diavoli travagliavano ventiquattr’ore il giorno.
Questa dimora de diavoli nel nostro vulcano ha un’origine curiosa.

Quando Lucifero – dice una leggenda – fece guerra a Gesù Cristo, San Michele Arcangelo lo inseguiva per aria; e Lucifero per non farsi ghermire correva da una nuvola all’altra come le nottole.

Sul punto che San Michele era per ghermirlo, che fa quel porco fetente? Con un enorme salto si lascia andare verso la Sicilia, e si va a nascondere nel Mongibello.

Si raggomitolò come uno scorsone, ma la testaccia gli usciva fuori, che era così lungo il fetente, che non v’era modo di misurarlo. San Michele Arcangelo corre, gli vede la testa fuori, e con un colpo di spadone trrrr! gli fa saltare un corno.

E questo corno cadde a Mazzara; e voglion dire che è ancora dentro un grottone. Lucifero, vista la mala parata, getta un salto e con un morso gli spicca una penna dell’ala, e questa penna preziosa, dicesi che è tutta in perle finissime, le quali fanno abbagliare gli occhi.
pipe amorelli handmade tobacco pipes
La penna cadde a Caltanissetta, ma quella penna non v’è più, perchè i peccati de’ Caltanìssettesi erano così grandi che la penna non ci volle restare e se ne volò via.

Credenze e pregiudizi del popolo siciliano, Giuseppe Pitrè.