Memorabilia

Sua Santità Giovanni Paolo II

Per il Papa ho pensato ad un fornello “poggiato” su di un lungo cannello quasi fosse un pastorale.
Era il maggio del 1993. “Bella… bella” fu il commento di Sua Santità.
La pipa mi fu commissionata dalla Diocesi di Caltanissetta nella persona di Mons. Garsia che volle ed ottenne la visita pastorale del Papa a Caltanissetta.

Salvatore Amorelli

pipe amorelli handmade tobacco pipes

Bill Clinton

Molto complessa fu l’esperienza con l’allora Presidente Bill Clinton nell’ottobre 1996.
In primis perché non conoscevo nessuno se non un signore che stabilì un contatto con la NIAF. Poi perché quando al telefono proposi all’organizzazione una pipa, mi fu risposto che l’Amministrazione americana era contraria al fumo e poi il Presidente non era un fumatore.
Infine perchè avevo solo 40 giorni di tempo per pensare e realizzare… Non voglio aggiungere tante altre difficoltà, ma se volessi rifare ciò che ho fatto, non credo che sarebbe possibile che si verifichi la stessa riuscita.
Davanti a John Travolta, Joe DiMaggio, Agnelli allora Ministro degli esteri, Frank Stella e altri, mentre lui guardava a bocca aperta, gli dissi: “I’m sorry Mr. President if does’nt music…” era un sassofono in radica con il bocchino terminale innestato nel chiver ed elementi in oro perfettamente funzionante… ovviamente come pipa.
Fu un successo straordinario, pensa che l’indomani Clinton ne parlò con entusiasmo con il premier cinese Jang-Zemin, al punto che gli americani della Niaf, divenuti amici, mi chiesero di tenermi pronto per una missione in Cina.

Salvatore Amorelli

Milo Manara

E’ il 1999 quando il circolo “Amici della Pipa” indica il celebre disegnatore e fumettista Milo Manara come fumatore dell’anno.
Manara è un grande appassionato e la pipa è un oggetto molto ricorrente all’interno dei suoi fumetti.
Salvatore Amorelli ha quindi pensato di omaggiarlo di una splendida Lyra a 5 stelle.
Questo il commento di Manara:

E’ una pipa bellissima, per la fattura, per la fiammatura impeccabile, con, in più, quell’incredibile dettaglio del costone d’oro per l’allineamento del bocchino, per non parlare, poi, del mio nome inciso. Inoltre, per me che passo la vita al tavolo di lavoro, una pipa con la base così ampia da poter essere appoggiata è l’ideale.

Helmut Kohl

Helmut Koll, ex cancelliere tedesco,  fuma invece una Amorelli con placca in oro e diamanti raffigurante l’unificazione delle due Germanie.

Re Abdullah Al-Saud

Mancava un Re e, in corso d’anno 2005, per H. H. Abdullah Al Saud è stato creato un prezioso “Magnifico Narghilè” per fargli gustare in compagnia… il tempo, l’inarrivabile ricchezza!
Realizzato con un corno di cervo cresciuto nei giardini palermitani di Palazzo D’ Orleans.

pipe amorelli handmade tobaccos pipes

pipe amorelli handmade tobacco pipes

pipe amorelli handmade tobacco pipes

pipe amorelli handmade tobacco pipes. Salvatore Amorelli avviò la produzione di pipe nel 1982 per passione e subito si è fatto una grande reputazione per l’ottima qualità delle pipe a prezzi più che ragionevoli. In un piccolo laboratorio della Sicilia Salvatore crea pipe classiche e soprattutto serie speciali: “Busbee”, “Frac”, “Nail”, “Ghibli”, “Lyra”, questi termini esprimono le caratteristiche della forma e non la loro qualità. Amorelli si rivolge ai collezionisti, esigenti conoscitori di pipe che potranno riconoscere una elevata qualità di fumata e apprezzare una lavorazione di altissimo livello ricca di raffinati particolari, che culminano nei delicati procedimenti di finitura dove pregiate cere d’api del Brasile vengono impiegate per nutrire ed esaltare le fibre del legno lasciando che la pipa respiri come cosa viva. Il marchio in oro 18 kt che suggerisce l’esatta posizione del bocchino, solo radica siciliana selezionata, stagionata oltre 5 anni e poi “interpretata” pezzo per pezzo. Grandi successi in Italia, Germania (dove viene distribuito un tabacco e un sigaro aromatico Amorelli), USA, Canada e più di recente Hong Kong, come testimoniano le “Uniche” per grandi personaggi: a forma di “Pastorale” per S.S. Papa Woytila, per Bill Clinton un “saxophone”, Helmut Koll fuma invece una pipa con una placca in oro e diamanti che raffigura l’unificazione delle due Germanie.